Chirurgia robotica per la ricerca del “linfonodo sentinella”


 

Gabriele Siesto - Linfonodo sentinella “Il vantaggio di questa tecnologia, che si integra perfettamente al robot attualmente utilizzato presso il nostro centro, è la netta riduzione dell’invasività della chirurgia. Grazie ad essa è possibile studiare e curare in modo adeguato la paziente ed evitare estese linfoadenectomie (rimozioni di linfonodi) quando non siano necessarie, senza perdere in accuratezza diagnostica e sicurezza oncologica. Inoltre l’invasività minima della procedura permette un indubbio vantaggio in termini riabilitativi e funzionali che si traducono in una migliore qualità di vita

tratto da Humanitas News – 10 febbraio 2016

Leggi l’intero articolo

 

Ritorna al BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *